La struttura sostenibile del nuovo London Design Museum

Dopo un pò di attesa, lo scorso Dicembre, ha riaperto il London Design Museum nella nuova sede di South Kensigton. Ad oggi è considerato, grazie ai suoi 10.000 mq, il museo di design più grande al mondo. Dopo quasi trent’anni lascia la sua sede storica, un ex deposito di banane sul Tamigi, per prendere nuova vita in un edificio storico del modernismo inglese degli anni Sessanta del quale si è mantenuto, grazie ad un processo molto lungo, il soffitto originale.

Design Museum

L’ecosostenibilità del London Design Museum

Il progetto ha impiegato diversi anni per essere realizzato, per assicurare una struttura totalmente ecosostenibile. Con un ingresso molto ampio e minimal, composto da parquet in legno di quercia al piano terra, rende visibili da subito gli altri due piani ed il soffitto. Il London Design Museum è stato definito sostenibile per la sua capacità di essere un edificio con un consumo molto basso di carbonio e per possedere un sistema all’avanguardia in grado di controllare e regolare l’illuminazione, ma anche il riscaldamento, sulla base delle persone che sono presenti al suo interno. Tre importanti studi di architettura (Oma, Aliens and Morrison e Arup) si sono occupati del design esterno mentre John Pawson è l’architetto che si è occupato degli interni del museo.

Design Museum

Il progetto del Crowdsourced wall

All’ultimo piano del London Design Museum è situata una mostra, ad ingresso gratuito, realizzata su una parete di sei metri con oggetti che sono selezionati dai visitatori attraverso una piattaforma online, il Crowdsourced wall. Questa mostra ha lo scopo di capire cosa sia realmente il design e verificare l’impatto che ha sulla nostra vita di tutti i giorni. Gli oggetti contenuti su questa parete vanno dal telefono Ericofon di Ericsson al trapano Black and Decker fino ad alcune delle prime posate da tavola Alessi.

Londra è una città meravigliosa che ha assolutamente tanto da offrire a chi la visita ma anche a chi ci vive. Il London Design Museum è solo un motivo in più per prendere un aereo e visitarla se ancora non l’hai fatto! Visita il sito designmuseum.org per scoprire di più sulle prossime mostre.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *